PARI OPPORTUNITÀ

13

panchine rosse

installate in vari luoghi della città per rispondere con l’arte alla violenza sulle donne. La tredicesima, esposta all’ingresso del Palazzo comunale, è ora in tour per le scuole per sensibilizzare le giovani generazioni

2016

Da quest’anno novembre diventa il mese dei diritti 

con importanti iniziative sui diritti dell’infanzia, il contrasto alla violenza sulle donne e contro la pena di morte

2

i baby pit stop

allestiti presso il Centrho e nel Chiosco di via Pomè e posizionati più fasciatoi nei luoghi pubblici che hanno ottenuto la certificazione Unicef

14

donne nei CDA

delle partecipate su 40 membri e 2 giovani under 35

Diritti dell’infanzia

  • L’Amministrazione consegna ogni anno ai bambini delle classi terze delle scuole primarie della Città, i libretti dedicati alla convenzione ONU, in occasione della Giornata Internazionale dell’Infanzia e dell’adolescenza (20 Novembre). Nel 2016 ha incontrato 433 alunni, nel 2017 473 alunni e nel 2018 457.
  • Assegnata la cittadinanza onoraria ai bambini stranieri delle scuole di Rho. Una piccola attenzione per dare valore all’integrazione

Contrasto alla violenza sulle donne e parità di genere

  • Aperto nell’Auditorium Padre Reina di via Meda 20 a maggio 2018 il primo Centro Antiviolenza di Rho e uno sportello decentrato presso il Comune di Bollate, a seguito della presentazione del progetto “Nemmeno con un fiore”, approvato da Regione Lombardia.
  • In concomitanza con la celebrazione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si celebra il 25 novembre di ogni anno:
    – Il 24 novembre 2017 è stato organizzato il convegno dal titolo “Violenza sulle donne. Fermiamola” alla presenza di rappresentanti di enti, istituzioni ed esponenti degli ambienti giuridici e giudiziari.
    – Dal 10 al 25 novembre 2018, è stata organizzata presso la Sala Colonne e Filatoio della Villa Burba, la mostra “ESCAPE AGAIN. QUESTA ASSENZA NON PASSA” dell’artista Giuseppe Ravizzotti, a cura di Cristina Palmieri, che affronta lo specifico tema della violenza sulle donne.
  • Come risposta dell’arte alla violenza di genere, realizzata l’iniziativa “Panchine rosse” per sensibilizzare tutti i cittadini sul tema della violenza sulle donne: nel 2018 sono state installate 13 panchine – una per ogni mese più quella artistica – dipinte di rosso (nei parchi in prossimità di scuole, strutture, Polizia di Stato, municipio, …) con attenzione alle frazioni coinvolgendo nella inaugurazione le realtà locali (scuole, associazioni del territorio, altre istituzioni). La tredicesima panchina è stata realizzata all’apertura della mostra “Escape” dall’artista della mostra. Questa panchina, esposta all’ingresso del Palazzo comunale, è ora in tour in tutte le scuole per sensibilizzare su questo tema già le giovani generazioni.
  • Casa delle donne di Rho: rinnovate nel 2017 a seguito di selezione pubblica le associazioni aderenti che la gestiscono per iniziative a favore delle pari opportunità
  • Il Comune ha infine partecipato a “Sguardi altrove”, il film festival nazionale

Contro la pena di morte

  • L’Amministrazione ha aderito alla giornata mondiale contro la pena di morte promossa dalla Comunità di Sant’Egidio.
  • In occasione della “Giornata internazionale delle Città per la Via – Città contro la Pena di Morte” che si celebra il 30 novembre di ogni anno, sono state realizzate le seguenti iniziative:
    • Pubblicazione sul sito istituzionale, sulla pagina Facebook e su tutti gli altri social del Comune del Logo “Cities for Life” della Comunità di Sant’Egidio
    • Iscrizione nella mappa internazionale delle “Città per la Vita – Città contro la pena di morte”
    • Proiezione di film dedicati presso l’Auditorium comunale
    • Allestimento di un banchetto informativo con libri sulla pena di morte presso la Biblioteca comunale di Villa Burba
    • Illuminazione del Palazzo comunale (nel 2016 e 2017)

Memoria

  • Illuminazione della sede della Guardia di Finanza di Rho dalle ore 17.30 alle ore 20.30 del 30 novembre 2018, ex Casa del Fascio e commemorazione dei Martiri del Robecchetto in collaborazione con Anpi nazionale, presenza delle autorità politiche, dell’Anpi e degli studenti delle due scuole superiori vicine.
  • Assegnata la cittadinanza onoraria al Dalai Lama, che ha donato alla città un mandala.
  • Intitolati i giardini a Giovanni Pesce, un comandante partigiano e politico italiano. Militante comunista, partecipò alla guerra civile spagnola combattendo nelle Brigate Internazionali che, dopo il ritorno in Italia venne arrestato e deportato a Ventotene dal Regime fascista.
  • Disvelata nel cimitero capoluogo, in collaborazione con Anpi e in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile 2019, la targa commemorativa delle donne partigiane rhodensi, che hanno avuto un ruolo fondamentale nella resistenza.