DOPO EXPO

53

incontri con i partner di MIND

solo dell’area tecnica del Comune  per partecipare alla progettazione e alla creazione di opportunità per cittadini e imprese del territorio

1,7

milioni di euro per ampliare il parcheggio di interscambio

grazie al finanziamento ottenuto dal Comune, che porterà la capacità complessiva del parcheggio a 1.500 posti auto

2019

avvio del processo per recuperare l’ex magazzino del Cotone (“Steccone”)

Studio di progetto e ricerca investitori per un nuovo polo dedicato ai giovani

PROGETTO IN PRIMO PIANO


SOSTENERE SIA ALL’INTERNO DI AREXPO SIA CON LE AZIONI AMMINISTRATIVE IL PROGETTO MIND


  1. Human Technopole e polo tecnologico: coinvolgimento anche di centri di ricerca del territorio e delle realtà produttive di eccellenza al fine di creare indotto economico sul territorio
  2. Campus universitario: dovrà essere realizzato un quartiere secondo le più moderne misure di sostenibilità in continuo dialogo con il territorio attraverso vari mezzi di comunicazione. La distribuzione delle funzioni, proprio per consentire questo dialogo con il territorio, dovrà essere attentamente analizzata e non penalizzante per Rho
  3. Grande parco urbano: non si potrà rinunciare a questo obiettivo che imporrà la decementificazione di parte delle strutture ad oggi esistenti.

Nel 2016 i Comuni di Rho e Milano hanno approvato un atto integrativo all’accordo di programma EXPO per la gestione della fase transitoria compresa tra il termine della manifestazione EXPO 2015 e la realizzazione della fase post EXPO prevista dall’Accordo di programma.

Nel 2016 e 2017 AREXPO ha avviato una serie di iniziative denominate Experience per mantenere attivo e fruibile il sito in attesa della sua trasformazione, tra le quali concerti e grandi eventi.

Nel 2017 il Comune ha partecipato alla stesura delle linee guida, sulla base delle quali nel 2018 AREXPO ha pubblicato un bando internazionale per selezionare il soggetto attuare privato, poi individuato nella figura di LEND LEASE. Presentato da parte di AREXPO la proposta di PII per l’attuazione del sito MIND. In parallelo si è conclusa la procedura di VAS e di VIA da parte di Regione Lombardia per la verifica di compatibilità ambientale nel PII ed è in corso di definizione la valutazione del piano urbanistico di dettaglio (PII). In parallelo è stato rilasciato il permesso di costruire per il nuovo IRCCS Galeazzi (Istituto Ortopedico) tra Rho e Milano che sarà completato entro il 2021.

A fine 2018 presentata da parte del MIT il procedimento di conferenza dei servizi per l’approvazione dello studio di fattibilità tecnico-economico del nuovo Polo Universitario. Si prevede che il Polo Universitario sia realizzato entro il 2023.

RHO COME CITTÀ UNIVERSITARIA


In grado di offrire servizi, ospitalità e divertimenti agli studenti. Ciò consentirà di rivitalizzare non solo il centro cittadino, ma anche i quartieri con la creazione di zone ricreative e favorendo l’insediamento di nuovi pubblici esercizi e locali di svago.

Nel 2017 il Comune di Rho ha partecipato e vinto il bando regionale “Attract – Accordi per l’attrattività” ottenendo un finanziamento pari a 100 mila euro per promuovere il territorio e favorire l’insediamento di attività economiche. La proposta del Comune di Rho prevede il recupero da parte di un operatore economico privato – da individuare mediante procedura a evidenza pubblica – dell’ex magazzino del Cotone (“Steccone”). L’immobile rappresenta un’opportunità di un polo multifunzionale destinato ai giovani universitari in sinergia con lo sviluppo dell’area del post EXPO. Sarà un edificio dove sperimentare un nuovo modello europeo di abitare, con servizi di utilità, verde e spazi di co-working.

In corso di elaborazione un avviso pubblico per la ricerca di Manifestazioni di interesse da parte di operatori privati, finalizzate a dare attuazione alla proposta insediativa.

RILANCIARE LE AREE INDUSTRIALI


Il Post Expo dovrà favorire il rilancio delle nostre aree industriali, soprattutto quelle limitrofe, che godono di condizioni favorevoli anche in termini di infrastrutture (ferrovie, autostrade, metropolitana, viabilità e parcheggi). In particolare l’area di Via Risorgimento a vocazione industriale potrebbe accogliere nuove attività produttive di beni, ampliando anche le attività di ristorazione e commerciali, affiancando ad esse attività finalizzate all’elargizione di servizi ricreativi, culturali, artistici e sportivi.

L’obiettivo è stato rinviato al 2019, per dare priorità all’avvio del procedimento del nuovo PGT.

PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO


Sfruttando il contributo economico di EXPO, in base agli accordi già presi, dovrà essere realizzato il parcheggio di interscambio nell’area confinante con quello esistente in via Risorgimento per completare l’accessibilità alla stazione della Metropolitana.

Nel 2018 si è concluso l’iter di approvazione dell’atto integrativo dell’accordo di programma Fiera che individua le aree per il potenziamento dell’esistente parcheggio di interscambio fino a una capacità complessiva di 1.500 posti auto. Ottenuto un finanziamento da 1,7 milioni di euro per acquisire l’area e avviate le interlocuzioni con società EXPO e Comune di Milano per definire la convenzione che regolerà i reciproci rapporti e il finanziamento della spesa per la realizzazione del potenziamento del parcheggio suddivisa in due fasi.

Il Comune di Rho ha manifestato la propria disponibilità ad acquisire parte delle aree e degli immobili di proprietà privata siti in via Grandi, necessari per l’implementazione del parcheggio, utilizzando parte del finanziamento. II Comune di Milano svilupperà, quindi, la progettazione e la realizzazione del parcheggio sulle aree acquisite dal Comune di Rho utilizzando la parte residua del finanziamento, oltre a risorse già stanziate dal CIPE allo scopo.

RIQUALIFICAZIONE DELL’AREA DI PANTANEDO


Il nuovo insediamento nell’area di Expo potrà essere un’occasione di riqualificazione anche per Pantanedo.

I proprietari delle aree interessate non hanno dimostrato interesse all’attuazione del progetto. Continuano comunque le interlocuzioni.

GOVERNANCE DEL POST EXPO


Data l’importanza del progetto e delle ricadute sulla Città verrà istituita un’apposita Commissione Consiliare sul post EXPO e una delega Assessorile anche per curare le relazioni con Arexpo e con gli altri enti coinvolti nel futuro dell’area Expo e nelle iniziative di FAST POST dei prossimi due anni.

Istituita la Commissione consiliare, che si riunisce periodicamente e segue gli sviluppi del progetto di MasterPlan. La delega è in capo al Sindaco.

OSPITALITÀ PER STUDENTI E RICERCATORI


Sempre al fine di potenziare l’offerta di ospitalità per studenti e ricercatori si favoriranno le iniziative di housing sociale come quella progettata nella zona dello scalo ferroviario e i contratti di locazione a canone calmierato.

Da avviare, una volta che il sarà realizzato il Polo Universitario. Sono in corso dei contatti.